NÉ COSMOPOLITA LIBERISTA NÉ NAZIONALISTA IDENTITARIO: IL PROBLEMA È LA SOLUZIONE

Pubblicato da Diego Antonio Nesci il

“Sgombra la mente”.
Non ci resta che smettere di guardare in giù, negli inferi del petrolio e alzare lo sguardo verso il paradiso: il SOLE. Bisogna concentrarsi su questo.
 
Del resto parlare oggi del concetto di Sovranità e ridurla a quella monetaria degli statarelli con le sfide Planetarie (Cambiamenti Climatici – Corporation Suicidarie) che ci si aprano d’avanti agli occhi è francamente riduttivo e controproducente. Proviamo a pensare.
 
Se avessimo la Sovranità monetaria SENZA la Sovranità alimentare, energetica, dei flussi di materia, saremmo davvero Sovrani?
 
L’obiezione è: se non abbiamo la sovranità monetaria non possiamo conquistare le altre sovranità! È vero anche questo. Un barlume di verità la trovi solo nel paradosso.
 
La questione di fondo però non cambia: le sfide sono Planetarie e l’Europa non ha giacimenti importanti di fonti fossili.
 
Se non imbocchiamo la strada delle fonti rinnovabili e non cambiamo il paradigma industriale non solo i dati ci dicono che non avremo più un futuro per i grandi cambiamenti climatici che in poco tempo trasformeranno il contesto che ancora percepiamo vivibile intorno a noi ma non potremmo mai aspirare ad un autentica sovranità e quindi libertà.
 
Quando riflettiamo su questi temi mi torna la voglia di essere Europeo. Infatti in questi campi la produzione “legislativa” dell’Unione è veramente avanzata. Anzi la più avanzata la Mondo.
 
Con il pacchetto di Direttive conosciute come #CleanEnergyPackage (cercalo su google) l’Unione ha già messo dei paletti legislativi fenomenali: si impone la de-carbonizzazione dell’intera Europa entro il 2040./50. C’è la comparsa della categoria giuridica del Self-consumer di energia e cioè il diritto di ogni cittadino dell’Unione di auto-produrre, consumare, stoccare e rivendere la propria energia rinnovabile auto-prodotta.
 
Potrà sembravi arabo, ma vi assicuro che è una #rivoluzione! Bisogna insistere su questa strada ed usarla come leva per scardinare il fondamentalismo dell’austerity imposta dalla tecnocrazia che comanda QUESTA Unione.
 
NÉ COSMOPOLITA LIBERISTA NÉ NAZIONALISTA IDENTITARIO: IL PROBLEMA È LA SOLUZIONE!

Diego Antonio Nesci

Attivista Politico

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *