IL POPOLO DEI LAMENTANTI

Pubblicato da Maria Gabriella Santolisier il

Quello del lamentante è un ruolo che richiede cieca fiducia e servilismo ad una forma pensiero che svilisce ogni essere vivente sia che provenga dal regno animale che vegetale o minerale.

Avendo prestato giuramento ad un dio piccolo, limitato, giudicante e soprattutto separato dalla vita, egli incorpora idee , visioni e parole che si muovono in un caos distruttivo che spesso viene tramandato di generazione in generazione.

Pertanto, vivendo distaccato dal resto del mondo, il lamentante si muove con fatica sommerso ed immerso in cicli perpetui di parole male-dette.

Nella sua mente sopravvive un pilota automatico che domina, gestisce e dirige lo sguardo sul mondo suggerendo parole, pensieri ed opere che frammentano e allontanano dalla nostra intima esigenza di riconoscere la specifica autenticità di ogni essere vivente ma anche l’assoluta necessità di specchiarci nell’altro perché fatti della stessa sostanza.

L’illusione della separazione crea necessità di giudizio che è ben altro da discernimento e cioè dalla scelta del nostro personale cammino.

Vivendo fuori da Sé, il lamentante crea vere e proprie lacerazioni interne ed esterne che divengono terreno adatto alla nascita delle malattie del singolo e del sociale.

Egli punta il dito e giudica senza mai spostarsi dalla sua posizione. La sua conoscenza si limita a quell’unico punto di vista che si è concesso. Dalla sua gabbia fatta di credenze e condizionamenti emette sentenze puntando il dito al colpevole di turno. Andando in giro per il mondo con questa profonda insoddisfazione diviene un generatore nonché un provocatore di tormento; un produttore di parole male-dette che però possono essere trasmutate, con disciplina e impegno, in parole bene-dette.

In che modo?

La possibile guarigione risiede in primis nell’ascolto delle parole che vivono in noi e creano la nostra biologia e le nostre emozioni. Avendo il potere di dettare condizioni esse possono determinare la salute o il mal-Essere.

Riporto di seguito le recenti ricerche del biofisico e biologo molecolare russo Pjotr Gariaev e i suoi colleghi:

«Gli scienziati hanno dimostrato che gli alcalini del 90% del nostro DNA chiamato sino ad ora DNA spazzatura, seguono la normale grammatica. Il codice genetico segue le regole del nostro linguaggio umano. D’altronde i linguaggi appaiono come riflesso dei modelli ereditari nel nostro DNA».

Ora vi invito a soffermarvi, ad ascoltare quali parole, in questo preciso momento, si affacciano alla vostra mente. Quante di queste stimolano emozioni rasserenanti e quante, invece, creano in voi preoccupazione e disagio?

Osservate, accoglietele e con rispetto chiedete alla vostra mente di cambiare parola, pensiero, punto di vista.

La sincerità rende liberi.  Ne vale la pena? No, ne vale la gioia!

 

Opera Ispiratrice, la poesia della stessa Maria Gabriella Santolisier (2018)

POLVERI

Ho disegnato il vuoto
tutt’attorno
all’espressione illusoria

e il principio è fine
che bacia un cosmo perpetuo

Una condizione
di improponibile fede
ai tuoi passi arretrati

Loro
ancora non vedono l’ingresso

il contatto
con l’intimo diamante

e ancora
smuovono
solamente
polveri.

Foto: Alin Marius Gheorghe

Categorie: Politica

Maria Gabriella Santolisier

Maria Gabriella Santolisier  –  Autrice e Ricercatrice Olistica

121 commenti

Gheda · maggio 7, 2018 alle 10:29 am

Certo che sì !
Bello scritto

Gheda · maggio 7, 2018 alle 10:30 am

Sono contenta che si lavori per il fare non per il giudicare…

    Mariagabriella Santolisier · maggio 7, 2018 alle 11:25 am

    Grazie Gheda. Anche tu, donna del fare e pronta a lasciare i doni per una umanità che chiede di riscoprire la Gioia in Sé.

Paola Montali · maggio 7, 2018 alle 10:49 am

C’è una grande epidemia di lamentanti, mi sposto con l’autobus ed è facile ascoltare persone che fanno a gara a chi si lamenta di più e ascoltano solo loro stessi, né escono apparentemente trionfanti, un momento di vittoria per poi ricadere ancora più giù……

    Mariagabriella Santolisier · maggio 7, 2018 alle 11:26 am

    Paola, accorgersi é la parola magica. Sono grata per ciò che scrivi.

Johann Rengucci · maggio 7, 2018 alle 10:58 am

(Opinione personale) Il popolo dei vittimisti usa la lamentela per al solo scopo di elevare quella cortina fumogena che celi a loro e ai loro interlocutori quanto siano artefici e responsabili delle pene “vantate”. Credo che il fenomeno (seducente quanto contagioso) sia da considerarsi patologico. Disgraziatamente il principio attivo utile alla guarigione non può esser somministrato, bensì prodotto dal malato stesso. – Bell’articolo.

    Mariagabriella Santolisier · maggio 7, 2018 alle 11:31 am

    Grazie. Abbraccio totalmente ciò che scrivi. Direi che è una fortuna non poterlo somministrare e lasciare al libero arbitrio. Così da vivere la GIOIA dell’accorgersi. Ancora rischiamo tutti di esserne coinvolti.

roberto copparoni · maggio 7, 2018 alle 10:59 am

Molto bello e toccante. C’è tanto da riflettere su questo profondo messaggio. Complimenti!

    Mariagabriella Santolisier · maggio 7, 2018 alle 11:32 am

    Grazie Roberto per averci dedicato ciò che abbiamo di più prezioso: il nostro tempo

Anna · maggio 7, 2018 alle 10:59 am

Si lamenta colui che non apprezza ció che ha.
Complimenti Maria Gabriella

    Mariagabriella Santolisier · maggio 7, 2018 alle 11:33 am

    Grazie Anna. Accorgersi del miracolo di ogni istante è un miracolo !!!

gianni · maggio 7, 2018 alle 11:01 am

fantastico………. è lo sport nazionale italiano

    Mariagabriella Santolisier · maggio 7, 2018 alle 11:34 am

    Grazie Gianni. È uno sport del quale dobbiamo imparare a fare a meno. Aiutiamoci e andrà meglio.

Roberto Zanettini · maggio 7, 2018 alle 11:03 am

C’è una parola che risuona in me e che voglio mettere in rilievo, questa parola la lego al Lamentante. La parola è “mente”. Io penso che chi si lamenta è una persona che non vive con il Cuore, che rifiuta di ascoltarsi e sentirsi quello che gli sta intorno. Usa solo la mente ( che mente) e la usa per abitudine e conforma tutta la sua vita sull’apparenza senza andare a fondo, senza gurdarsi dentro e vedere cosa risuona e accogliere ciò che viene perchè tutto serve ad imparare. È per questo che ci siamo incarnati. Accettare e non lamentarsi…… c’è molto altro.

    Mariagabriella Santolisier · maggio 7, 2018 alle 11:36 am

    Grazie Roberto. Ho letto con particolare intetesse il tuo pensiero. Si, la nostra mente di superficie si muove in automatico e serve tanta buona volontà per salvarci.

Doris Darni Riva · maggio 7, 2018 alle 11:04 am

Bellissimo articolo cara Maria Gabriella grazie di cuore! Copio qui ciò che ho scritto proprio ieri sul mio diario: “L’inferno sono i giudizi; vogliamo uscirne? Penso che tutti siamo caduti o cadiamo nella trappola del giudizio prima o poi, sia come carnefici che come vittime, e che quando ciò accade dovremmo farci un’autocritica e chiedere scusa, rispettivamente perdonare chi ci ferisce giudicandoci. Credo che se tutti facessimo questo sforzo cominceremmo dalle nostre relazioni quotidiane a costruire la pace, e non perderemmo persone preziose lungo la strada.” Sai credo ci sia un lamentante in ciascuno di noi, guai a sentirci infallibili ed immuni dal giudizio, per questo penso sia fondamentale fare costantemente autocritica ed allenare la flessibilità del proprio cuore e della propria mente, tenendo sempre aperta la porta del dialogo con sé stessi e con gli altri, a beneficio di un reciproco arricchimento e della nostra crescita, sia come persone, sia come individui sociali. Grazie davvero cara!

    Mariagabriella Santolisier · maggio 7, 2018 alle 11:37 am

    Grazie Doris per la tua risposta è per il tuo impegno nella ricerca della bellezza.

Daniela · maggio 7, 2018 alle 11:05 am

Bellissimo articolo, da leggere e rileggere e spunto di bellissime riflessioni!

    Mariagabriella Santolisier · maggio 7, 2018 alle 11:37 am

    Grazie Daniela per la gentilezza ed il sostegno

Mauro Lausdei · maggio 7, 2018 alle 11:06 am

Uno scritto toccante, nella sua semplicità. Senz’altro veritiero e sincero nei sentimenti più intimi che albergano nel cuore degli esseri umani. Profondi sono i legami dell’anima con la nostra materia, il nostro corpo, ormai accettati anche dalla scienza “ufficiale”. Troviamo dentro di noi il vento che spazza via la polvere… E ci libera lo spirito. Grazie Maria Gabriella.

    Mariagabriella Santolisier · maggio 7, 2018 alle 11:40 am

    Grazie a te Mauro per aver dedicato la tua attenzione ed il tuo tempo a leggere ciò che è il mio sentire a riguardo. Le tue parole sono di compagnia e sostegno in questo tempo.

Valentina · maggio 7, 2018 alle 11:19 am

Di questo e simili dovremmo nutrirci ma talvolta ce ne dimentichiamo … grazie per avermi aiutata a ricordare in questo momento

    Mariagabriella Santolisier · maggio 7, 2018 alle 11:41 am

    A te Valentina giunga la mia gratitudine per ‘esserci ‘.

Liliana · maggio 7, 2018 alle 11:19 am

La semplicità delle parole bene-dette

    Mariagabriella Santolisier · maggio 7, 2018 alle 11:42 am

    Liliana cara. Proprio così, la risposta sta nella domanda. GRAZIE !

Nadi · maggio 7, 2018 alle 11:20 am

Grazie per il bell articolo 🌸

    Mariagabriella Santolisier · maggio 7, 2018 alle 11:42 am

    Grazie a te per esserci!

Valentina · maggio 7, 2018 alle 11:25 am

Pazzesco! Descrizione minuziosa di un atteggiamento umano “popolare” , nel senso molto diffuso.

    Mariagabriella Santolisier · maggio 7, 2018 alle 11:44 am

    Grazie Valentina. Facciamo epidemia di parole bene-dette !

Bobore Bussa · maggio 7, 2018 alle 11:27 am

Bellissimo. Una sintesi perfetta.

    Mariagabriella Santolisier · maggio 7, 2018 alle 11:45 am

    Carissimo ! Ti giunga tutta la mia gratitudine.

    Stefania · maggio 7, 2018 alle 6:17 pm

    il lamentante è intrinseco nell’essere, il mondo è nella natura stessa del lamentante e come dici nella tua poesia; è il cosmo perpetuo . La fede, dio, l’emblema della società del piccolo mondo antico che tutt’ora viaggia senza consapevolezza.
    Grazie Maria Gabriella.

      Mariagabriella · maggio 7, 2018 alle 6:26 pm

      Grazie Stefania. Un poco alla volta riusciremo a sostituire la lamentela con la gratitudine.

marinella melis · maggio 7, 2018 alle 11:35 am

Già , è verissimo che siamo un popolo di lamentosi,ma è anche vero che se ci guardiamo attorno non è roseo, ogni tanto mi accorgo che ci sono molte persone che vivono in condizioni precarie e allora ti rendi conto che tu sei fortunata\o.Riflessione doverosa .

    Mariagabriella Santolisier · maggio 7, 2018 alle 11:47 am

    Grazie Marinella. Permettimi di dire che non è certo con la lamentela che si guarisce ma col discernimento e i fatti concreti.

Anna · maggio 7, 2018 alle 11:59 am

Grazie Maria Gabriella, viene tanta voglia di cambiare parole nella mente, fare opera di pulizia e bellezza. Nell’epoca dei selfie, in cui ci specchiamo in un’immagine filtrata e patinata che ci rende più “belli”, perdiamo la grande occasione di specchiarci nelle persone che mal giudichiamo, vere cartine di tornasole delle nostre zone d’ombra. Sarebbe interessante una fotocamera così, con un filtro che evidenzi i difetti che lamentiamo negli altri, magari alla fine si scopre che ci assomigliano un po’… e che possiamo accettarli con un pizzico di armonia in più

    Mariagabriella Santolisier · maggio 7, 2018 alle 3:46 pm

    Grazie Anna. Ogni punto di vista é dono e privilegio di conoscenza.

Giansimone · maggio 7, 2018 alle 12:10 pm

La mia attuale esperienza mi portava capire che siamo osservatori prima di tutto ,nel senso che si può osservare senza necessariamente dover giudicare ! Non è facile … poiché spesso siamo immersi in un vissuto che non corrisponde a ciò che siamo ! È che ci condiziona ! Possiamo però concederci il tempo di capire… ascoltando noi e non il rumore di fondo del mondo ! Ad ogni modo il tutto osservato dal punto di vista più profondo dell’anima assume una valenza differente…meno critica ! Una dimensione dove tutto è necessario e giusto così per come è ! Tutto scorre….. è inevitabile!

    Mariagabriella Santolisier · maggio 7, 2018 alle 3:48 pm

    Grazie Simone. La via è la scelta che facciamo nel quotidiano.

Luca Paganotti · maggio 7, 2018 alle 12:44 pm

Confermo in tutto e per tutto quanto sopra. Ho fatto parte del popolo dei lamentanti per molto tempo, fino al mio ormai non più recentissimo esaurimento nervoso che mi ha prosciugato letteralmente quasi ogni forza vitale, fino al mio ricovero in ospedale. Davo importanza solo a quanto accadeva all’esterno di me in una dimensione autarchica, sufficiente a sè stessa, incolpando il resto del mondo di quanto mi accadeva. Sono stato totalmente negligente nei miei confronti, non ho rispettato ciò che sono in realtà. C’è una certa dimensionalità genetica in questi comportamenti, quantomeno la colgo, e molto forte, nel mio caso. Stavo sempre più assomigliando a mio padre, ci sono voluti quasi cinquant’anni di esistenza per capire e liberarsi di questo fardello, ma alla fine ho spezzato la catena, o almeno spero. Sono già molto soddisfatto per esserci arrivato quasi da solo, ma è stato necessario ammalarsi. Potrei parlare ancora a lungo, ma aggiungerò solo tre cose: gli ingredienti che, nel mio caso hanno costruito la ricetta giusta.
* Un colloquio sincero ed aperto con la mia psicologa
* Arteterapia, acquerello e carboncino con un’arte terapeuta professionista che ha avuto anch’ella funzioni di supporto psicologico.
* L’esercizio della poesia e della scrittura

Chiudo con una citazione e mezza.
“Le parole sono importanti. Chi parla male pensa male.”
Michele Apicella in Palombella rossa

“… e vive male.”
Il sottoscritto.

    Mariagabriella Santolisier · maggio 7, 2018 alle 3:51 pm

    Luca, se mi permetto di parlare dei lamentarmi è perché io per prima ne ho fatto parte. Ne parlo nel mio libro UTERUS. La malattia, poi, ci guarisce. Sentitamente grata al tuo mostrarti e condividere.

Margherita · maggio 7, 2018 alle 1:03 pm

Grazie Gabry per questo bellissimo articolo . Io faccio a volte parte del mondo dei ” lamentanti ” e quando accade me ne rendo conto e cerco di tornare in equilibrio .. e inoltre quando mi capita di trovarmi accanto ad una o un lamentante cronico cerco di scappare subito perché mi crea uno stato emotivo che non posso più accettare … Mi sembra che spesso il lamento arriva perché si ha bisogno di molte attenzioni , perché si vuole essere al centro delle attenzioni e quindi spesso è una ” necessità ” quasi della quale a volte non si può fare a meno .. bellissimo l’articolo Gabry .. Molto interessante . Illuminante come sempre ..

    Mariagabriella Santolisier · maggio 7, 2018 alle 3:53 pm

    Margherita Carissima, ci vuole tanto impegno per accorgerci dell’aitomatismo che parte in accelerazione. Certo, la nostra è una richiesta di attenzione. La frase d’amore piu bella è ‘ IO TI VEDO ‘.
    GRAZIE

    Doris Darni Riva · maggio 8, 2018 alle 11:34 am

    cara Margherita forse potresti provare a non scappare… forse in questo modo scopriresti che le persone possono cambiare, e che coloro da cui sei fuggita possono ancora essere dono per te, così come di certo, sei stata tu per loro. Siamo tutti in fondo, luce ed ombra in evoluzione, siamo le infinite sfumature di un unico colore. Un abbraccio.

Valeria · maggio 7, 2018 alle 1:12 pm

Grazie, bell’articolo. Da ex lamentante (o quasi, perché a volte per brevi periodi di ricasco) mi ci sono ritrovata. Come ne sono uscita? Ho realizzato che una volta che sei col sedere per terra, più giù non puoi andare. Non ti rimane che rialzarti. Mi sono chiesta cosa mi avrebbe fatto stare bene, cosa mi avrebbe reso felice? Ho seguito semplicemente l’istinto e non la mente. Credo che tutti, prima o poi, si lamentino e forse fa parte del nostro percorso e siamo perfetti anche per questo.

    Mariagabriella Santolisier · maggio 7, 2018 alle 3:54 pm

    Si Valeria, Siamo degli eroi solo per il fatto che siamo qui e ci stiamo provando. Grazie.

Ilenia · maggio 7, 2018 alle 1:27 pm

Bellissimo articolo ;profonde e toccanti parole . Grazie cara Gabry per il tuo prezioso contributo in questa vita.

    Mariagabriella Santolisier · maggio 7, 2018 alle 3:56 pm

    Grazie Ilenia, per il tuo agire verso il bene.

Amelia · maggio 7, 2018 alle 1:54 pm

Kintsugi al Bancomat

“1. Dici che ti sono passata davanti nella fila ma sei tu ad essere arrivato dopo.
2. “Imbecille!” mi hai detto.
3. Uscendo ti ho augurato buona giornata.
4. Non ho più la mia parte erettile.”
A.B. 2018

Grazie Gabry! Acuta e profonda la mia donna medicina!😍

    Mariagabriella Santolisier · maggio 7, 2018 alle 3:56 pm

    Amelia ! Sei fortissima !!!! GRAZIE !

Maria Antonietta Caddeo · maggio 7, 2018 alle 2:38 pm

Condivido pienamente, cara Gabri. Ciò che ritengo grave è che il lamentate non si sposti dalla sua posizione e, pronto nel giudizio, con scarsa sensibilità manifesti l’ incapacità di considerare le situazioni degli altri e di mettersi nei loro panni. Non solo, con i suoi lamenti crea lacerazioni interne ed esterne non solo per sé ma anche per chi gli sta attorno.
Benedette siano le parole bene-dette!!!
Grazie infinite Gabri per l’articolo e per l’ ennesima opportunità di riflessione!

    Mariagabriella Santolisier · maggio 7, 2018 alle 3:59 pm

    Maria Antonietta, aggiungo la necessità che abbiamo tutti noi di dare e ricevere uno sguardo gentile e attendere chi ancora non si è accorto. GRAZIE !

Danilo · maggio 7, 2018 alle 4:50 pm

Io ho partecipato al campionato del mondo dei lamentanti arrivando secondo…
questo ovviamente per non snaturarmi troppo e continuare a lamentarmi….
corretto il cercare di “uscire” dal circolo vizioso del lamento , per cui ti lamenti , le situazioni si ingarbugliano ed hai sempre piu’ di che lamentarti.
penso che le parole dell’articolo siano illuminanti , ma che siano davvero in pochi quelli che riescono a trasformare il dire e lo scrivere in vita vissuta.

    Mariagabriella · maggio 7, 2018 alle 6:12 pm

    Danilo caro, l’importante per me è provarci e ancora provarci. Poi amarci esattamente così come riusciamo. Grazie!

Adriano Cao · maggio 7, 2018 alle 5:54 pm

Ho sempre definito “ il lamentante “ un neofobo terrorizzato dalla propria evoluzione culturale , E’ più facile lamentarsi con la speranza di contagiare negativamente l’ interlocutore piuttosto che reagire alla propria insoddisfazione. Bellissimo articolo!

    Mariagabriella · maggio 7, 2018 alle 6:13 pm

    Adriano ! Che pensiero chiaro e brillante!!! Grazie di cuore.

Mariagabriella · maggio 7, 2018 alle 6:09 pm

Danilo caro, l’importante a mio avviso è provarci e ancora provarci. Ogni momento della vita serve per esserci pienamente e per amarci esattamente cosi come riusciamo. Grazie.

Bruna Carbone · maggio 7, 2018 alle 7:19 pm

La parola ha il valore di un decreto energetico e determina la realtà. Siamo ciò che diciamo di essere e la realtà che attiriamo a noi è esattamente quella che creiamo con le nostre parole. Il giudizio e la lamentela creano muri e barriere che ci isolano da noi stessi, dalle parti creative, dai respiri pieni che possono farci intravedere soluzioni nuove. Spesso, la lamentela deriva da vecchie modalità, da ingiunzioni ed abitudini trascinate senza riflettere, che diventano una seconda pelle. Solo quando ci si rende conto di quanto ci si limiti e di quanta vita ci si precluda e se ne sente tutto il dolore, solo allora si riesce a fare la propria piccola rivoluzione copernicana. Si smette di giudicare l’altro perché si smette di giudicare se stessi, si ascolta e si rassicura quell’istanza interiore, lamentosa e sofferente, e si comincia ad accettare, a piangere, ad accarezzare, a lenire. Man mano, cadono le parole inutili, i verdetti, le certezze. E si scoprono nuove stanze, tutte da colorare ed arredare, quelle della rinascita, dei primi toni leggeri, dell’amorevolezza. Il non certo perché libero e non scontato. Fa paura? Un po’, ma la paura è di animo nobile, accompagna senza stringere, quel tanto che basta a ricordarci le cose davvero importanti. Ed vita nuova, passo dopo passo. Si può. A me è successo, e ora so volare…🌻 Grazie Gabriella, spero di conoscerti di persona asap 🌺🌺🌺

    Mariagabriella · maggio 8, 2018 alle 9:16 am

    Bruna, è davvero un piacere leggerti. Le tue parole scelte ‘ con cura ‘ portano bene-dizioni. Spero anch’io di conoscerti personalmente perché valga davvero la GIOIA esserci. GRAZIE.

Luisa Migliavacca · maggio 7, 2018 alle 7:20 pm

Ottimo articolo che tocca chiunque, sia nel ruolo di lamentanti che in quello di chi il lamentante di turno lo subisce. Ecco, forse mi soffermerei a riflettere sul concetto di “subire” che fa intimamente parte del bagaglio del mondo del lamento, e inizierei a sospendere il giudizio e ad osservare, ad ascoltare ciò che il lamento cela, cosa che appunto hai fatto in modo egregio in questo scritto.

    Mariagabriella · maggio 8, 2018 alle 9:18 am

    Si Luisa, mi trovi in accordo con te: diventare osservatori per discernere e muoverci a fin di bene. Ti ringrazio sentitamente per averci dedicato il tuo tempo. Un abbraccio.

sandro mascia · maggio 7, 2018 alle 8:55 pm

Bella poesia

    Mariagabriella · maggio 8, 2018 alle 9:19 am

    Grazie Sandro

Davide · maggio 7, 2018 alle 10:00 pm

Bellissima e illuminante riflessione. Complimenti.

    Mariagabriella · maggio 8, 2018 alle 9:20 am

    Sentitamente grazie Davide.

Ilaria · maggio 8, 2018 alle 4:03 am

Semplice ed efficace.

Tutti siamo o. Stati lamentanti ma esserne consapevoli è il primo passo per cambiare.

    Mariagabriella · maggio 8, 2018 alle 9:22 am

    Si Ilaria, la parola è ‘accorgerci’ . Senza giudizio ma con impegno e volontà per fare quelli che nel mio libro chiamo ‘ i passi verticali ‘. GRAZIE.

Agostina Podda · maggio 8, 2018 alle 6:31 am

Consapevole di essere una lam entante assidua…col tempo ho deciso che quella non era la mia luce,il mio colore .. ora sono più riflessiva…grazie Gabriella bellissimo articolo, complimenti davvero !!

    Mariagabriella · maggio 8, 2018 alle 9:23 am

    Ed io al promo posto. Nel libro che ho scritto mi racconto benissimo ! Grazie Agostina cara per il tuo esserci. Un abbraccio.

Felicita · maggio 8, 2018 alle 9:04 am

Quello che tu definisci qui ,egregiamente,”Popolo dei Lamentanti ” è ovunque, dominato dalla insoddisfazione, dalla paura e dalla impotenza sopratutto. Prendendone “con volontà e impegno ” le distanze, col passare degli anni ,se si percorre la strada della Consapevolezza, è possibile incontrare un’altra illusione, quella del differenziarsi dal lamentante trasformandosi ancora in-consapevolmente, in un lamentante verso il lamentante/i .Superata questa , più avanti ,un’altra differente illusione, quella del distacco male -inteso, della indifferenza, del ripiegamento su sé stessi, della alienazione dalla vita collettiva con l’autoconvinzione che ,intanto,” tutto deve essere come è e andrà come andrà…”.
Invece no ,come la strada della Consapevolezza porta inevitabilmente il singolo a liberarsi dalla “schiavitù ” del lamento, dalla illusoria separazione, dal vociare assordante interiore per accompagnarlo alla calma mentale e alla compassione, così, collettivamente, porta alla “indignazione ” riguardo alla insensatezza della “schiavitù ” economica -sociale di larghe masse, che è il pilastro su cui poggia la società piegata alle regole del dio-soldo. Dal mio punto di vista, come già accennavo all’impotenza,caratteristica dei lamentanti è il vociare fine a sé stesso associato alla non-azione. Mentre lo stesso popolo liberatosi dalla paura e disperazione si trasmuta in un popolo lucidamente “indignato”che “agisce ” per la sua Libertà dall’immobilismo e lo fa con lucida determinazione, con compostezza e soddisfazione.

    Mariagabriella · maggio 8, 2018 alle 9:26 am

    Carissima, il tuo intervento è preciso e saggio. È davvero un piacere leggerti e sapere che ci siamo. Nel nostro intimo cammino, nelle scelte silenziose e chiare, ci siamo. GRAZIE.

Daniela · maggio 8, 2018 alle 9:12 am

Ci spostiamo in un piccolo spazio di cui ci sembra di sapere tutto. Tutto è stato giudicato e negativamente confermato. Non c’è più niente da scoprire in questo piccolo mondo. Chiusura. Barriere che creano una falsa sicurezza. Grazie Gabriella

    Mariagabriella · maggio 8, 2018 alle 9:27 am

    E allora apriamoci alle infinite possibilità. Grazie Daniela.

Claudia · maggio 8, 2018 alle 5:04 pm

Il popolo dei lamentanti appesantisce il vivere altrui, trattiene la vita di chi lamentante non è.
Grazie MariaGabriella

    Mariagabriella · maggio 8, 2018 alle 6:31 pm

    Grazie Claudia per aver dedicato il tuo tempo alla lettura dell’articolo. Le tue parole sono un invito all’ascolto di se stessi.

Iole · maggio 8, 2018 alle 6:42 pm

Un articolo interessante, scritto esso stesso con sottofondo poetico soprattutto perché non definisce patologicamente il ‘lamentante’. Il termine infatti mi pare indichi un modus vivendi più che dare una caratterizzazione schematica del soggetto.
In ogni modo concordo sul fatto che il primo passo per uscire dalla lamentela sia quella di ascoltare il proprio linguaggio e scoprire le immagini disfunzionali a cui fa riferimento. Espressioni come “capitano tutte a me”, ” succede sempre così “, “ogni volta che…” sono delle generalizzazioni molto pericolose perché riferiscono di una realtà predeterminata su cui pare che non abbiamo nessuna influenza. Il DNA ci ascolta, le nostre cellule ci ascoltano e il corpo intero risuona in base alle nostre parole che, inutile dirlo, corrispondono a pensieri ed immagini. Quando cambia il linguaggio cambia tutto ciò a cui esso è legato. Si aprono prospettive laddove c’era una visione stagnante di se e del mondo. In fondo la realtà è solo il riflesso di ciò che siamo.

    Mariagabriella · maggio 8, 2018 alle 6:49 pm

    Che gioia leggerti Jole cara. Si, conoscendo il tuo impegno e le tue creazioni poetiche posso dire che sei una Donna che si muove per l’attiva messa in opera del bene. Grazie !

    Doris Darni Riva · maggio 9, 2018 alle 4:18 am

    molto interessante cara Iole grazie! Siamo esseri complessi e talvolta cadiamo in atteggiamenti o comportamenti che ci auto-sabotano, ma l’importante messaggio che fornite sia tu che Maria Gabriella è che, se si è in grado di prenderne consapevolezza, si può cambiare; per questo penso sia fondamentale allenare la propria capacià autoritica ed introspettiva, tramite il dialogo con sé stessi e con gli altri, che ci fanno da specchio. Un abbraccio cara Iole.

Martina Vaccargiu · maggio 9, 2018 alle 4:04 am

Molto interessante, soprattutto la parte biologica, dove ciò che viene ritenuto DNA spazzatura, non è altro che una serie di informazioni scritte latenti, che possono essere decodificate oppure no in base al nostro pensare e parlare. Non è un caso che il lamentate è una persona sempre malaticcia, ma è sempre colpa degli altri.

    Mariagabriella · maggio 9, 2018 alle 6:41 am

    Grazie per questo accurato sguardo Martina cara. È così, le parole che vivono in noi creano la nostra biologia e viceversa.

Padre Hananias · maggio 9, 2018 alle 9:39 am

Grazie Gabriella per la tua riflessione! Il lamentante spesso non si rende conte che lamentandosi aumenta soltanto la sofferenza e aggiunge negatività su negatività. Più si lamenta più soffre e rende presente il ricordo di ciò che gli ha fatto soffrire. Davanti alle situazioni spiacevoli sperimentiamo tutti la nostra fragilità e la nostra inclinazione di lamentarci … il problema è se questo diventa una “malattia ” cronica che condiziona il nostro modo di reagire alle provocazioni della vita rimanendo passivi e lamentandoci soltanto. Anch’io credo che si possa “guarire” imparando a vedere le cose in modo diverso e reagendo positivamente… si tratta non tanto di non vedere le cose negative o di fingere che tutto è buono… ma piuttosto di accettare le realtà spiacevoli e chiedersi se non c’è qualcosa di buono che si può tirare fuori da queste situazioni affrontandole con uno sguardo positivo chiedendosi anche: “Cosa posso fare io di concreto per migliorare la situazione”?
A volte possiamo fare poco… è vero, ma è sempre meglio nel buoi accendere una candela per vedere qualcosa che lamentarsi del buio senza fare niente.
Se poi una ha anche la fede e fa entrare Dio nella sua vita sicuramente riesce ad affrontare le difficoltà meglio e positivamente. Ti benedico

    Mariagabriella · maggio 9, 2018 alle 10:21 am

    Padre Hananias, che gioia leggere le tue parole. Grazie per il tuo ‘restare in ascolto’ e provvedere al compimento del bene.

Alessandra · maggio 9, 2018 alle 2:45 pm

Grazie per l’ennesimo raggio di luce Maria Gabriella. Per il coraggio della parola, per l’avanguardia a difesa della Bene-dizione e la sua evoluzione.

    Mariagabriella · maggio 9, 2018 alle 3:02 pm

    Alessandra cara, possa il coraggio per una scelta chiara e consapevole albergare in ogni parola creata, pensata e prununciata. Così sia di nutrimento per l’umanità.
    Grazie.

Stefania · maggio 9, 2018 alle 4:01 pm

Non riesco a trovare le giuste parole per commentare tanta bellezza. Gabriella tu parli direttamente al cuore delle persone e partecipi al grande risveglio della coscienza collettiva. Grazie per ciò che scrivi, specchio di ciò che sei❤️.

    Mariagabriella · maggio 10, 2018 alle 2:45 am

    Stefania, come non commuoversi leggendo le tue parole. Dici di non trovare le parole giuste eppure quelle che hai ‘scelto’ sono arrivate al cuore. Grazie.

Leila · maggio 9, 2018 alle 5:19 pm

Finalmente l’ho letto. Con attenzione e partecipazione. Grazie Gabriella. I tuoi testi sono sempre stimolanti e arricchiscono l’anima. Un abbraccio.

    Mariagabriella · maggio 10, 2018 alle 2:48 am

    Leila cara, grazie per aver dedicato tempo e spazio al mio sentire attraverso la lettura di queste parole che ho cercato e scelto. Come diceva Gaber ‘ libertà è partecipazione’ .

Michele · maggio 10, 2018 alle 8:56 am

Grazie Gabri di questo regalo…
È una strada in salita, ma ne vale la GIOIA!

    Mariagabriella · maggio 10, 2018 alle 12:37 pm

    Si Michele, una gioia ad ogni passo. Grazie !

Loan Cash · luglio 29, 2018 alle 1:08 am

no teletrack payday loans loans loans [url=http://directlending.cars]cash loan fast[/url]

Speedy Cash · luglio 29, 2018 alle 4:19 am

bad credit short term loans payday loan providers loan for bad credit [url=http://directlending.cars]best loans for bad credit[/url]

Personal Loans · luglio 29, 2018 alle 6:49 pm

online payday loans no faxing loans online loans for bad credit [url=http://directlending.cars]online loans bad credit[/url]

Homework Help Online · agosto 20, 2018 alle 3:29 pm

dissertation in marketing dissertation dissertation [url=https://dissertation.us.org]best dissertation service[/url]

used car · agosto 27, 2018 alle 7:38 am

fusion auto finance car finance auto finance [url=https://autofinance.us.org]auto finance[/url]

Online Loans · agosto 27, 2018 alle 7:43 am

loan for bad credit instant payday loan no credit check bad credit loan [url=https://loanforbadcredit.us.com]loan assumption[/url]

nike huarache · agosto 29, 2018 alle 2:11 pm

Thank you a lot for giving everyone remarkably special opportunity to check tips from this blog. It is usually very pleasant and as well , stuffed with amusement for me and my office colleagues to search your blog at a minimum three times every week to find out the new secrets you will have. And of course, I’m also actually amazed for the fantastic hints you give. Selected 1 tips in this post are undoubtedly the most beneficial we’ve ever had.

Adidas NMD New Geometry Purple Grey · agosto 29, 2018 alle 7:00 pm

I precisely needed to thank you so much all over again. I’m not certain the things I might have undertaken in the absence of the entire tips and hints shared by you about this industry. It has been a depressing crisis in my position, nevertheless seeing the very professional manner you resolved that took me to leap for fulfillment. Extremely thankful for your advice and in addition sincerely hope you know what a powerful job that you are accomplishing teaching many people using a web site. Most probably you have never encountered any of us.

lebron 13 · agosto 29, 2018 alle 9:49 pm

I not to mention my buddies came checking out the best hints on your web site and so quickly I got a horrible feeling I had not thanked the web blog owner for those techniques. Most of the people came for that reason warmed to study them and already have seriously been having fun with these things. Thank you for genuinely so helpful as well as for finding some superb subject matter millions of individuals are really desirous to understand about. Our own honest apologies for not saying thanks to you sooner.

lebron soldier 11 · agosto 30, 2018 alle 6:50 am

I must convey my gratitude for your kind-heartedness for folks who absolutely need assistance with this one area of interest. Your very own dedication to passing the solution throughout had become incredibly invaluable and have enabled regular people much like me to reach their desired goals. This invaluable guidelines means much a person like me and even further to my peers. Many thanks; from everyone of us.

tory burch · agosto 30, 2018 alle 3:16 pm

I really wanted to post a small remark to appreciate you for some of the splendid hints you are posting at this site. My time-consuming internet look up has now been recognized with brilliant details to write about with my co-workers. I would claim that we readers actually are undoubtedly lucky to live in a notable site with so many awesome individuals with great suggestions. I feel very happy to have come across the webpages and look forward to many more thrilling times reading here. Thanks once more for a lot of things.

paul george shoes · agosto 31, 2018 alle 9:14 am

Thank you so much for giving everyone an extraordinarily superb chance to read from this site. It is usually very terrific and as well , packed with a great time for me personally and my office friends to visit your website really 3 times in a week to read the new tips you will have. And of course, I’m just certainly happy with the cool guidelines served by you. Selected two ideas in this posting are clearly the most suitable we’ve ever had.

air jordans · agosto 31, 2018 alle 6:04 pm

I and also my guys were actually studying the excellent recommendations located on your site and then at once I had an awful suspicion I never thanked the website owner for those tips. Most of the men became for this reason happy to read them and have very much been enjoying those things. Many thanks for actually being indeed thoughtful and then for deciding on such great subjects millions of individuals are really desirous to discover. My personal honest regret for not saying thanks to you sooner.

adidas ultra boost · settembre 1, 2018 alle 12:14 am

I simply needed to thank you so much once more. I’m not certain the things that I would’ve tried without those techniques provided by you regarding that problem. Completely was a very scary crisis in my circumstances, however , spending time with a new skilled mode you resolved the issue forced me to jump over contentment. I am happy for the information and as well , have high hopes you recognize what a great job you have been getting into training many others through your web blog. I am sure you have never encountered all of us.

off white nike · settembre 1, 2018 alle 2:22 pm

I wanted to post you the bit of observation to be able to say thanks a lot the moment again for these precious methods you’ve featured on this site. This is really open-handed of you to give without restraint all a lot of folks would have marketed as an ebook to end up making some money for their own end, mostly now that you could have tried it in the event you desired. These inspiring ideas also served like a good way to comprehend other individuals have a similar zeal the same as my own to understand much more when considering this condition. I’m certain there are a lot more fun instances up front for individuals that check out your blog post.

golden goose outlet · settembre 1, 2018 alle 9:37 pm

Thank you so much for giving everyone such a spectacular possiblity to discover important secrets from here. It is often very awesome and packed with a great time for me personally and my office mates to search your blog at the very least three times in 7 days to read through the fresh guidance you have got. Of course, I am always satisfied for the unbelievable tips and hints you give. Selected 4 tips on this page are unequivocally the most suitable we’ve ever had.

fila disruptor · settembre 2, 2018 alle 8:16 am

I precisely desired to appreciate you again. I do not know what I would’ve undertaken without these creative ideas shared by you concerning such subject. It truly was a real daunting crisis for me personally, but coming across your well-written technique you processed the issue took me to leap for delight. I am just happier for this information and as well , pray you find out what an amazing job you have been getting into instructing some other people through the use of your blog post. Most probably you’ve never come across any of us.

louboutin shoes · settembre 2, 2018 alle 4:26 pm

I am glad for commenting to make you understand of the fantastic experience my cousin’s princess gained going through your webblog. She even learned many pieces, which include what it’s like to possess a great teaching spirit to make most people with no trouble know precisely some specialized things. You actually did more than my expectations. Thanks for producing these effective, trustworthy, educational and also cool guidance on that topic to Julie.

supreme clothing · settembre 3, 2018 alle 1:13 am

I am glad for commenting to make you be aware of what a incredible experience my wife’s daughter gained checking yuor web blog. She realized many pieces, including what it is like to possess a great helping nature to let the mediocre ones effortlessly grasp chosen impossible topics. You actually did more than my desires. I appreciate you for churning out those warm and helpful, trusted, informative not to mention easy tips on that topic to Gloria.

kobe 11 · settembre 3, 2018 alle 9:55 am

I would like to show appreciation to this writer for bailing me out of this particular situation. After surfing around throughout the world wide web and getting notions that were not powerful, I believed my entire life was gone. Living without the solutions to the issues you have sorted out as a result of your main website is a critical case, as well as those that would have in a negative way damaged my entire career if I had not encountered your site. Your primary mastery and kindness in touching every part was vital. I am not sure what I would have done if I hadn’t come across such a subject like this. I’m able to now relish my future. Thanks for your time so much for this expert and sensible help. I will not hesitate to recommend your web sites to any person who desires recommendations about this subject.

nike air zoom · settembre 4, 2018 alle 2:53 am

I am just writing to make you understand what a incredible encounter our child obtained studying your web page. She picked up numerous details, not to mention what it is like to have a wonderful teaching style to let many people without hassle learn about specific complex subject matter. You truly surpassed readers’ expected results. Thanks for churning out these powerful, dependable, informative and as well as cool thoughts on your topic to Julie.

red bottom shoes · settembre 4, 2018 alle 10:30 am

I wanted to write you this little observation in order to say thanks a lot once again just for the striking concepts you’ve shown in this article. It was quite extremely generous of you to present unhampered all some people might have distributed for an e-book in making some money for their own end, most importantly now that you might well have tried it if you wanted. These advice in addition acted like the great way to be certain that other people have similar desire just as mine to find out whole lot more with reference to this matter. I think there are a lot more pleasant instances in the future for individuals that read carefully your website.

lebron shoes · settembre 4, 2018 alle 6:23 pm

I and my friends came checking the excellent secrets and techniques on your website and all of the sudden I got a horrible feeling I had not expressed respect to the website owner for those tips. These women were definitely as a consequence passionate to read through all of them and already have certainly been enjoying them. We appreciate you genuinely simply helpful and for making a choice on certain beneficial resources most people are really wanting to understand about. My personal sincere apologies for not expressing appreciation to you sooner.

adidas nmd · settembre 5, 2018 alle 12:21 am

I’m writing to let you know what a exceptional experience my cousin’s princess enjoyed reading through yuor web blog. She came to understand too many things, which include what it is like to have a marvelous coaching mindset to have the rest effortlessly master selected extremely tough things. You actually surpassed readers’ expectations. Many thanks for displaying those interesting, trustworthy, explanatory and as well as fun guidance on your topic to Lizeth.

100% real jordans for cheap · settembre 5, 2018 alle 2:16 am

I simply had to appreciate you once more. I do not know the things that I would’ve achieved without the actual techniques contributed by you concerning that problem. Certainly was a difficult scenario in my circumstances, nevertheless considering the very expert tactic you treated it forced me to weep for contentment. I’m grateful for the service and have high hopes you find out what an amazing job that you’re getting into training men and women through the use of your blog post. Most probably you haven’t come across all of us.

longchamp handbags · settembre 5, 2018 alle 6:52 pm

My wife and i have been now more than happy when Louis could round up his research using the ideas he came across from your own site. It’s not at all simplistic just to possibly be offering hints many people have been selling. And we also discover we have the blog owner to be grateful to for that. The type of illustrations you have made, the straightforward website menu, the relationships you assist to engender – it’s got mostly fabulous, and it is facilitating our son and us do think the article is satisfying, which is exceedingly vital. Thanks for everything!

nike air max 90 · settembre 6, 2018 alle 1:14 am

I’m also writing to let you know of the beneficial discovery my princess developed reading your webblog. She came to understand many details, including what it is like to possess an amazing giving spirit to have others without problems grasp selected grueling subject matter. You really exceeded visitors’ desires. Many thanks for supplying the essential, safe, edifying and easy tips on the topic to Lizeth.

nike foamposite · settembre 6, 2018 alle 8:19 am

I wanted to put you a little note in order to give many thanks the moment again relating to the breathtaking secrets you’ve shared on this page. It was remarkably generous with you to convey openly all numerous people could possibly have offered for sale for an e-book to help with making some money on their own, even more so since you might have tried it if you considered necessary. The techniques additionally served to become easy way to be aware that most people have a similar eagerness the same as my own to realize a lot more with regard to this problem. I believe there are some more fun situations ahead for many who scan your blog.

golden goose sneakers · settembre 7, 2018 alle 8:52 am

I have to show some thanks to you just for bailing me out of such a difficulty. Just after exploring through the world-wide-web and getting solutions that were not productive, I believed my entire life was done. Existing minus the approaches to the difficulties you’ve fixed through your review is a critical case, as well as those which may have negatively affected my entire career if I had not discovered your web blog. Your capability and kindness in controlling every part was useful. I don’t know what I would’ve done if I hadn’t come upon such a point like this. I can also at this time look forward to my future. Thanks very much for your impressive and effective help. I won’t be reluctant to endorse your web sites to any person who ought to have guidance about this subject matter.

adidas eqt support · settembre 7, 2018 alle 11:22 pm

I wish to express my respect for your kindness giving support to all those that need assistance with this area. Your special dedication to passing the solution throughout was exceptionally advantageous and have consistently made girls just like me to attain their pursuits. Your personal helpful tutorial can mean so much a person like me and somewhat more to my mates. With thanks; from all of us.

calvin klein underwear · settembre 8, 2018 alle 6:52 am

I precisely desired to say thanks all over again. I’m not certain what I might have tried without the tactics contributed by you about such concern. Entirely was an absolute distressing concern for me, but being able to view a new skilled tactic you solved it forced me to jump with happiness. I’m just happier for the assistance and thus hope that you really know what a great job you are always carrying out instructing most people using your websites. I am sure you have never got to know any of us.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *