Politica della bellezza

Appunti per una Politica dei Bisogni

ESPERIENZA ESTETICA E INTELLIGENZA ARTIFICIALE

ESPERIENZA ESTETICA E INTELLIGENZA ARTIFICIALE

Cos’è la bellezza? E’ veramente un concetto da studiare solo riguardo a ciò che è soggettivo e aleatorio, oppure ci offre dei significati spiccatamente politici e sociali? E’ possibile, in una realtà in cui la tecnica, fredda e asettica, è separata da un abisso rispetto al “romanticismo” dell’attivismo politico, parlare di una efficace politica della bellezza?Leggi di più a riguardoESPERIENZA ESTETICA E INTELLIGENZA ARTIFICIALE[…]

L’euroscetticismo è davvero un disvalore?

L’euroscetticismo è davvero un disvalore?

La democrazia è una fede. E sempre più sovente i momenti di fede sono squarciati dal pragmatismo dell’ opportunità e dall’impellenza della necessità. Essere uomini di fede ed assertori convinti della democrazia italiana è una cosa sostanzialmente coincidente, oggi: il dogma della Verginità come il dogma dell’imparzialità del Presidente della Repubblica. O ci credi, ancheLeggi di più a riguardoL’euroscetticismo è davvero un disvalore?[…]

Incontri

Incontri

L’ Incontro delle tre culture, opera realizzata dall’artista Evan De Vilde, rappresenta l’insieme di autentici reperti cartacei : una pagina di un documento ecclesiastico latino del 1600, una pagina di scritti del Corano del 1700 ed un foglio di un antico antifonario di canto gregoriano del 1600, tutti schiacciati su un unico livello senza prevaricazioni,Leggi di più a riguardoIncontri[…]

 Comunità o massa?      

 Comunità o massa?      

Ricordate questa frase?  “Non so cosa dirvi davvero… ora noi o risorgiamo come squadra o cederemo un centimetro alla volta fino alla disfatta”. Vi faccio un’altra citazione: “Una gente che libera tutta o fia serva fra l’Alpe ed il mare; una d’arme, di lingua, d’altare, di memorie, di sangue, di cor”. Cos’hanno in comune secondoLeggi di più a riguardo Comunità o massa?      […]

The Rumble in the Jungle: l’eredità del ballerino di Louisville

The Rumble in the Jungle: l’eredità del ballerino di Louisville

Scartabellando tra vecchie carte è venuto fuori un poster dell’incontro tra Foreman e Ali, comprato qualche anno fa tra le bancarelle di Porta Portese. La mente è sempre molto sensibile ai ricordi veicolati da immagini. Per qualche giorno mi è risuonata in testa la frase di Muhammad Ali, spesso ripetutami dal ragazzo di colore cheLeggi di più a riguardoThe Rumble in the Jungle: l’eredità del ballerino di Louisville[…]

Uomini tonti, ma non così tanto tonti.

Uomini tonti, ma non così tanto tonti.

Ora le donne possono solo pentirsi di essere colpevoli delle proprie discriminazioni. Questa, per una volta, è una lode agli uomini. Non alla razza umana, ma agli uomini, i maschi. Io li invidio profondamente. Sarò atipica? Sul web nel 2017 le ricerche della parola “femminismo” sono aumentate del 70%. Non un femminismo che parla diLeggi di più a riguardoUomini tonti, ma non così tanto tonti.[…]

Non c’è pensiero senza affetto

Non c’è pensiero senza affetto

Chi ha separato fin dall’inizio il pensiero dall’affetto si è preclusa la strada  per la comprensione del pensiero stesso (Lev Semënovič Vygotski) Contribuisco con Il mio punto di vista e visione del mondo in questo interessante Blog. L’elevata richiesta di risposte  da dare contraddistingue la nostra società, il nostro modo di vivere la contemporaneità sembraLeggi di più a riguardoNon c’è pensiero senza affetto[…]

COS’E’ UN SOGNO?

COS’E’ UN SOGNO?

Ci vuole poco, solo un po’ di coraggio ma, se riuscissimo a richiamarlo in noi, potremo finalmente sentire quella voce che è diventata silenzio per non disturbare il profondo inganno. Se vi chiedessi: Ricordate i momenti della vostra infanzia quando, incantati e sereni venivate interrotti dagli adulti per qualche dovere impellente? Provate, ritornate a queiLeggi di più a riguardoCOS’E’ UN SOGNO?[…]

Ma tu credi? L’uomo che, forse, conosceva Dio: note minime sull’importanza delle fedi

Ma tu credi? L’uomo che, forse, conosceva Dio: note minime sull’importanza delle fedi

Porto attaccato al collo una collana con due medaglie: una rappresenta San Donato, l’altra è una moneta da 5 lire con un aratro sopra. Le cinque lire, regalatami da mia nonna il giorno della laurea, rappresentano per me due cose: quando sono di buon umore il forte legame con la terra; quando invece, spesso, sonoLeggi di più a riguardoMa tu credi? L’uomo che, forse, conosceva Dio: note minime sull’importanza delle fedi[…]